Arrampicata su misto classico

Gli stage privati di arrampicata su misto classico sono attivi per tutta la stagione invernale (da novembre a maggio circa) e possono essere attivati su richiesta di piccoli gruppi precostituiti (o singoli).

arrampicata su misto
Cayre Barel “la petite escapade”

Cos’è il misto classico?

Possiamo dire che l’arrampicata su misto è il “vero” alpinismo?

Per salire una montagna, una parete, o una via, si affrontano tutti i terreni tipici della montagna: neve, goulotte, roccia, misto, cresta, ghiaccio. E’ necessario adattare la propria strategia al terreno e sapere adottare la tecnica migliore passo dopo passo, sia in termini di progressione che in termini di protezione.

L’ambiente è quello invernale, il più completo e anche il più ostile, dove servono tutte le componenti principali del buon alpinista: tecnica, strategia, tenacia e buona conoscenza delle proprie capacità.

Contenuto tecnico dello stage

Essendo un’attività su richiesta, il programma e il contenuto tecnico sono scelti in accordo ai partecipanti in base agli obiettivi specifici dei partecipanti, alla loro precedente esperienza e al loro livello tecnico. I contenuti tecnici possono includere aspetti di:

  • valutazione dei rischi
  • strategia di pianificazione dell’itinerario 
  • studio di un nuovo itinerario
  • strategia complessiva e avvicinamento
  • tecnica e strategia di scalata e autoassicurazione
  • strategia e tecnica di discesa
  • tecnica e strategia di bivacco
  • materiali usati nell’alpinismo invernale

Durata e luoghi di svolgimento dello stage

Lo stage può durare 2 o 3 giorni.

Gli stage di 2 giorni possono svolgersi press0:

  • Alpi Apuane
  • Appennino Tosco Emiliano
  • Alpi Liguri

Gli stage di 3 giorni possono svolgersi presso:

  • Alpi Marittime nizzarde (Mercantour)
  • Alpi Marittime italiane (valle Gesso)
  • Monviso
  • Presanella
  • Adamello
  • Dolomiti di Brenta
  • Dolomiti Fassane
  • Piccole Dolomiti
  • Gran Sasso

Le destinazioni sono normalmente proposte dalle guide in base alle condizioni.

Prezzi

Le attività si svolgono con rapporto massimo guida/allievi pari a 1/2.

  1. Stage di 2 giorni infrasettimanale
    • 1 persona: € 560
    • 2 o più persone: € 340 a persona
  2. Stage di 2 giorni (weekend)
    • 1 persona: € 660
    • 2 o più persone: € 390 a persona
  3. Stage di 3 giorni infrasettimanale
    • 1 persona: € 800
    • 2 o più persone: € 500 a persona
  4. Stage di 3 giorni (weekend)
    • 1 persona: € 900
    • 2 o più persone: € 560 a persona

Le spese delle guide sono a carico dei partecipanti (viaggio, vitto, eventuale rifugio).

Livello tecnico richiesto

Essendo su richiesta, lo stage si adatta ai partecipanti. E’ tuttavia richiesto come minimo di avere:

  1. ottimo spirito di adattamento
  2. un buon allenamento aerobico e muscolare delle gambe
  3. precedente esperienza nell’uso dei ramponi
  4. precedente esperienza di arrampicata anche solo su roccia
  5. conoscenza dei nodi barcaiolo, mezzo barcaiolo, delle guide (o nodo a otto)
  6. conoscenza della tecnica di discesa in corda doppia in autonomia con autobloccante

Difficoltà e lunghezza degli itinerari

Normalmente in questi stage affrontiamo itinerari di massimo 300 m di dislivello e di difficoltà massima compresa tra AD+ e TD+. La salita di specifiche vie di impegno superiore deve essere concordata con le guide e comporta normalmente onorari assai superiori a quelli qui proposti.

Materiale necessario

E’ necessario avere la seguente attrezzatura tecnica individuale:

  • scarponi invernali rigidi 
  • ghette (se non integrate nello scarpone)
  • ramponi in acciaio 12 punte con antizoccolo, con punte frontali classiche oppure da cascata bipunta o monopunta
  • coppia di piccozze tecniche da piolet traction senza dragonne, preferibilmente con puntale classico
  • longe doppia per le piccozze
  • imbragatura da arrampicata 
  • casco da arrampicata
  • un discensore (secchiello con moschettone o piastrina con doppio moschettone)
  • un moschettone con cordino preparato per nodi autobloccanti
  • un moschettone a ghiera HMS
  • martello da arrampicata
  • zaino 40 litri circa
  • sacco a pelo in piuma o sintetico (1 kg circa) consigliato

Abbigliamento necessario:

  • guanti che permettano una sufficiente manualità
  • guanti pesanti di sicurezza
  • cappello e/o passamontagna
  • guscio antivento tipo goretex
  • piumino o equivalente sintetico
  • copripantaloni tipo goretex
  • abbigliamento tecnico a strati

Inoltre:

  • mascherina da sci
  • lampada frontale

In relazione ai viveri:

  • thermos 0,75l circa
  • viveri da corsa per le uscite (come alimenti dolci sono consigliati frutta secca e a guscio, come alimenti salati sono consigliati formaggi stagionati, altri cibi proteici e grassi)
  • viveri per le colazioni e cene in rifugio (da concordare con la guida)
  • integratori di sali da aggiungere all’acqua di fusione

In base alle condizioni di innevamento potrebbero essere necessari:

  • ciaspole
  • bastoncini telescopici
  • artva, pala e sonda

Parte dell’attrezzatura può essere noleggiata dalle guide previo accordo.

Potrebbe interessarti

Potrebbe interessarti anche il corso avanzato di alpinismo invernale dove sono insegnate le tecniche principali usate nell’arrampicata su misto classico

error: Contenuto protetto
X
X